Dettaglio

DESIGNontheEDGEDESIGNontheEDGEDESIGNontheEDGEDESIGNontheEDGEDESIGNontheEDGE

DESIGNontheEDGE

a cua di Carlo Martino

In offerta - Sconto del 15%

Ottobre 2009

Libro
Brossura filorefe
15 x 21 cm

77 pagine
Lingua Italiano

34 Illustrazioni
28 Disegni
ISBN 9788860602367

€ 10.20
Prezzo originale € 12.00

Ottobre, 2009

Sostituire, supplire, rimpiazzare, subentrare. Sono solo alcuni dei significati e dei sinonimi del termine "surrogare", dell'attività cioè che si compie in luogo di...qualcosa o di qualcuno. Il Corso di Laurea Specialistica in Disegno Industriale dell'Università La Sapienza di Roma ha messo in evidenza per il "Design Surrogante" ambiti applicativi del tutto inaspettati. Ecco, quindi, come il design si muta in un azione riparatoria che si offre a nuove e interessanti relazioni tra uomo e natura. La ricerca compiuta attraverso l'Atelier di Disegno Industriale 1 - condotta con il contributo di un folto gruppo di docenti, ricercatori e con la fondamentale e fruttuosa collaborazione con SUN - propone per il quarto anno consecutivo concetti e progetti innovativi, volti in questa edizione al recupero di aree urbane ed extraurbane degradate adiacenti i corsi d'acqua. I risultati del laboratorio hanno messo in evidenza i possibili sbocchi del tema, e tra questi non sono mancati esiti di grande ispirazione poetica e morfologica. La presenza dell'acqua come elemento vincolante lo faceva facilmente preasige. Tra i risultati più interessanti c'è ne sonom, però, alcuni accomunati da quel nuovo ruolo surrogante del design a cui si accennava prima, in cui cioè il progetto dell'artificiale è chiamato a supplire alle grandi perdite funzionali ed estetiche del contesto naturalistico.
Le soluzioni proposte sono tutte diverse, ricche di spunti e suggestioni. Pareti che specchiano, percorsi modulari, ciottoli giganti, forme ispirate alle foglie d'ulivo, lampade come geiser, sistemi di sedute, dondoli sospesi, banchine modulari, confortevoli e anche galleggianti, scalette versatili, pavimentazioni sopraelevate, nidi-abitacololo, cabine galleggianti, e giochi d'acqua. Il trionfo, l'esaltazione del magico istante d'incontro tra il respiro lento e geometrico della natura e la creatività umana che, come un fiume in piena essa stessa - stavolta -, tracima e s'insinua in spazi nuovi andandoli a interpretare, modificare e riproporre con devozione, rispetto ed eleganza. 

Il libro è disponibile