Dettaglio

Annibale e i DauniAnnibale e i DauniAnnibale e i DauniAnnibale e i DauniAnnibale e i Dauni

Annibale e i Dauni

Da Sagunto in Spagna ad Herdonia nella Daunia

Mario Marincola

In offerta - Sconto del 15%

Luglio 2009

Libro
Brossura filorefe
17 x 24 cm

47 pagine
Lingua Italiano

17 Illustrazioni
ISBN 9788860602275

€ 7.65
Prezzo originale € 9.00

Luglio, 2009

Annibale Barca, alla testa dell'esercito cartaginese e di un ingente seguito, alla fine del III secolo a.C., mise in serio pericolo la sopravvivenza dello Stato romano.
In queste pagine il lettore troverà non tanto l'ennesima celebrazione del valore e dell'astuzia del giovane e famoso condottiero, quanto l'impegno di rintracciare anche in questa contingenza la presenza e le gesta della gens daunia. Originariamente questa etnia si era insediata nella penisola italica nella parte settentrionale dell'antica Apulia, in un'epoca anteriore all'approdo in Italia di Diomede e di Enea, reduci dalla guerra di Troia. Virgilio, il massimo poeta dell'età augustea, afferma (Eneide, VII, vv. 146 -149) che i Dauni divennero "così potenti che se non li si ferma, niente riuscirà ad impedire che conquistino, al nord e al sud, l'intera Esperia." (nome antico dell'Italia).
Con l'appellativo di Rutuli li troviamo (cfr. Vibo Sequestre, VII, 37: Rutuli idem Dauni, italici Europae) nel Lazio antico e secondo Silio Italico, (Punica, I, 291, 440 e passim) a Sagunto, in Spagna.
Nello scontro tra Roma e Cartagine, la Daunia e i Dauni concorsero alla salvezza dello Stato romano, tanto che il Senato decretò un solenne riconoscimento ai Lucerini della Daunia e agli altri alleati. Mercè il loro aiuto - recita la deliberazione - Imperium populi romani stetit (Livio, XXVII, 10).
Non vi è dubbio cha la vittoria dei Cartaginesi avrebbe determinato un corso diverso della storia di Roma e d'Italia.
Mario Marincola 
 

Il libro è disponibile